Nuovi Nokia con biomateriali ecocompatibili per rispettare l’ambiente

Verranno utilizzate biovernici e bioplastiche per le scocche, ma anche materiali riciclati per ridurre l’impatto ambientale di milioni di nuovi cellulari. Nokia ricorda che questo annuncio fa parte di un più grande e ambizioso progetto iniziato nel 2006 e in continua evoluzione. Il primo cellulare a usare bio-vernici sara’ il C7 mentre le parti strutturali in plastica del Nokia E7 (di prossimo arrivo) e del Nokia N8 (appena commercializzato in Italia sono realizzate fino al 49% con bio plastiche, a base di oli vegetali anziche’ di petrolio greggio e per questo hanno un impatto ambientale molto piu’ basso. Nel Nokia C6 – 01, invece, le parti in acciaio inossidabile sono al 75% di materiale riciclato, mentre nelle parti che prevedono l’utilizzo di una lega di rame, nichel e zinco la percentuale di matalli riciclati arriva al 98%. I materiali dunque sono del tutto identici a quelli vergini ma con una necessità di energia e acqua inferiore per la loro lavorazione, senza considerare che recuperati da discariche e impianti di raccolta differenziata, non necessitano di essere estratti dalla rocce.
In tutti i modelli sono così completamente assenti il PVC, i BFR (ritardanti di fiamma bromurati) e gli RFR (composti bromurati, clorurati e triossidi di antimonio), tutti prodotti nocivi per i polmoni.
Fra i risultati dell’approccio ‘verde’ di Nokia, principale costruttore mondiale di telefonini, i risparmi legati all’introduzione di packaging compatti: non solo ha ridotto l’uso di carta di 100.000 tonnellate ma ha dimezzato i mezzi sulle strade e ha portato ad un beneficio di circa 500 milioni di euro in soli due anni.

Ecco cosa ha fatto di concreto Nokia per rispettare l’ambiente:

Materiali: eliminazione dei PVC, BFR e RFR a partire dal 2006 e a pieno regime dal 2009.
Dispaly OLED: display a consumo energetico ridotto e sensori per ottimizzare la luminosità in relazione alla luce e alla situazione ambientale.
Caricabatteria a basso consumo energetico: riduce il consumo di energia tra l’80% e il 95% in modalità no-load.
Avvisi acustici: avvisano quando la batteria è carica così da poter staccare il caricatore e non sprecare energia.
Imballaggi: l’introduzione di packaging compatti ha ridotto l’uso di carta di 100.000 tonnellate. Questo ha dimezzato i mezzi sulle strade e ha portato ad un risparmio di circa 500 milioni di euro in soli due anni
Attendiamo fiduciosi gli ulteriori sviluppi del progetto Nokia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *