Dal 2013 si ai liquidi in aereo grazie ad una nuova tecnologia

E’ stata realizzata da un gruppo di scienziati dell’università britannica di Durham l’invenzione che permetterà ai viaggiatori aerei di sbarazzarsi finalmente delle fastidiose restrizioni sui liquidi nel bagaglio a mano. Si tratta di uno speciale scanner in grado di riconoscere le sostanze liquide, e che può quindi distinguere una bottiglia d’acqua da una di esplosivo grazie a una maggiore sensibilità nel rilevare le diverse frequenze d’onda che caratterizzano i materiali. Qualche giorno fa l’Unione Europea ha dato l’ok alla commercializzazione del prodotto da parte della Kromek, la ditta produttrice.

L’approvazione della conferenza europea sull’aviazione civile significa che tutti gli scali dell’Unione da questo momento possono acquistare e installare questo scanner, attualmente il più avanzato sul mercato perché impiega tecnologia a colori a raggi X. Si potrà anche verificare il codice a barre delle eventuali bottiglie di liquore per assicurarsi che provengano dal duty free e non da contrabbando. Entro aprile 2011 i principali scali europei dovranno dotarsi della nuova tecnologia. Il 2013 sarà la data limite per gli altri scali di secondo e terzo piano.

Ecco come funziona: il nuovo speciale scanner spara un raggio X attraverso il liquido e traccia la «caratteristica spettrale» della sostanza, che è diversa a seconda del materiale analizzato, che sia acqua, alcool o potenziale esplosivo, come ad esempio il perossido d’idrogeno. Il dispositivo funziona anche se la bottiglia è completamente sigillata, ovvero senza residui esterni, e può «leggere» qualunque tipo di contenitore, anche se fatto di metallo. Bocche cucite sui costi di ogni scanner, sebbene Arnab Basu, amministratore delegato della Kromek, abbia negato che si tratti di «centinaia di migliaia di sterline», quanto, piuttosto, «di decine di migliaia».

Lo scanner di nuova generazione riesce così a riconosce le diverse lunghezze d’onda e quindi i colori, permettendo in questo modo all’occhio umano di distinguere tra un liquido esplosivo e un liquido del tutto innocuo come una crema o una semplice bottiglia d’acqua o simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *