Barack Obama premia l’inventore del microprocessore, l’italiano Federico Faggin

fIl presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha infatti conferito al ricercatore veneto la National Medal of Technology and Innovation (Medaglia Nazionale per la Tecnologia e l’Innovazione), il più alto riconoscimento americano in ambito scientifico.

Ricercatori italiani ancora una volta fanno parlare di sé. Il ricercatore, nato a Vicenza il primo dicembre del 1941, si è diplomato come perito industriale nel 1960 all’istituto tecnico industriale Rossi della sua città natale e poi ha conseguito una laurea summa cum laude in fisica, a Padova, nel 1965. Federico Faggin inizia la sua carriera come ricercatore nei laboratori Olivetti di Borgolombardo. Nel 1967 passa alla Fairchild per la quale, l’anno successivo, si trasferisce nei laboratori di Palo Alto. Nel 1970 inizia a lavorare per Intel dove, come accennato, realizza il primo microprocessore della storia. Nel 1974 si mette in proprio. Da otto anni è amministratore delegato della Foveon, una compagnia che produce avanzati sensori di immagine per fotocamere digitali.

Faggin è stato l’artefice di una delle scoperte più importanti per l’industria moderna: il microprocessore. Correva infatti il lontano 1971 quando l’allora trentenne Faggin, appena entrato in Intel, disegnò e costruì il primo microprocessore al mondo, il 4004, insieme a Ted Hoff e Stan Mazor.

Non è la prima volta che Faggin viene premiato. Nel 1988 ha ricevuto il Premio Internazionale Marconi per il suo contributo alla nascita del microprocessore e la Medaglia d’Oro per la Scienza e la Tecnologia del Consiglio Nazionale per la Ricerca. Nel 1992 ha ottenuto il titolo di Grande Ufficiale, la più alta carica conferita dalla Repubblica Italiana. Nel 2008 è stato nominato EUCIP Champion italiano dall’AICA  e infine nel 2009 è stato insignito della laurea honoris causa in Informatica dall’Università di Verona, lui che si era laureato in Fisica all’Università di Padova nel 1965.

Ora il riconoscimento da parte del presidente USA. Complimenti!

1 comment for “Barack Obama premia l’inventore del microprocessore, l’italiano Federico Faggin

  1. Ferry24
    2010-11-22 at 14:48

    Intervengo sull’argomento e sul contributo di Faggin alla realizzazione del primo microprocessor (o forse per essere più esatti, del mezzo-microprocessor). Faggin è “uno dei papà del primo microprocessore, il 4004 di Intel”. Questo è vero., ma non è uno degli inventori dei microprocessor. Il microprocessor come idea non era e non è brevettabile. Le idee non sono mai brevettabili ma solo la loro realizzazione. L’idea di avere in unico chip un’intera funzione (come il microprocessor) era di tutti. Era il tred tecnologico che portava a questa richiesta. Gli architetti, come il sottoscritto, chiedevano ai tecnologi di integrare sempre più funzione in un chip, in modo di avere a disposizione sempre più funzioni prefabbricate (per fare un paragone è come per costruttori di auto di formula 1, che invece di ricevere pistoni, bielle, cilindri , ricevono il motore già bello e fatto da un costruttore di motori) . Nella storia dei computers solo due sono stati gli eventi che hanno rivoluzionato i computer; la scoperta (casuale)/invenzione del transistor (Bell Lab) e l’invenzione brevettata del “transistor PLANAR” da parte Jean Hoerni della Fairchild che ha permesso la realizzazione dei circuiti integrati. Il resto è stato solo un’evoluzione natutale dell’integrazione. Il primo che è riuscito a mettere dentro un chip tutto il necessario per l’elaborazione dei dati non ha gran merito (casomai il merito ce l’hanno i costruttori delle atrezzature (fisici, meccanici e ottici) per produrre transistors sempre più piccoli). Innanzitutto l’Intel ha brevettato solo alcuni aspetti secondari del 4004 e non certo il microprocessor che come inventore formale è stato riconosciuto Gilbert Hyatt (brevetto del 1990, ma la richiesta risaliva al 1970, che descriveva una possibile realizzazione – se fosse stata l’unica possibile soluzione sarebbe il più ricco del mondo, in realtà dal suo brevetto non ha avuto praticamente royalty). Nel 4004 Faggin era il tecnologo che aveva portato dalla Fairchild la tecnologia necessaria e che aveva il compito della realizzazione fisica, l’architetto era Ted Hoff e Mozar si occupava del software. Dovevano realizzare una calcolatrice su richiesta dalla Busicom Corp. (lo schema di questa calcolatrice lo si può trovare in :http://gizmodo.com/5089345/replica-4004-calculator-features-first-intel-microprocessor-used-by-mankind). Il 4004 era un mezzo-microprocessor perché trattava solo numeri e perciò usava solo 4 bits (per un vero microprocessor sono necessari minimo 6 /8 bits per trattare anche i anche i caratteri – vedi la storia del bytes da me personalmente scritta in Wikipedia, sia in italiano che in inglese – http://it.wikipedia.org/wiki/Byte, http://en.wikipedia.org/wiki/Byte). Ted Hoff era riuscito a progettarla con solo 4 chips (uno era il 4004). L’Intel considera Ted Hoff il realizzatore del del primo microprocessor (non l’inventore perché non ha alcun brevetto in merito). Certamente Ted Hoff fu il principale artefice del 4004 perché era l’architetto che l’aveva ideato. Inizialmente l’Intel ha tentato di accreditarsi come inventore del microproccessor, poi però ha desistito di fronte alla realtà e si è accontentato di dichiarare di essere stato il primo a realizzarlo (perchè era solo un 4-bit mentre Motorola e altri lavoravano per un 8 bit).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *