Dalla Disney il nuovo touch screen con la tecnologia TeslaTouch: mai più errori di digitazione (video)

Ormai gli schermi touch screen stanno diventando un oggetto familiare a molte persone e il loro uso si sta diffondendo a macchia d’olio. Gli schermi di vetro attualmente utilizzati nel touch screen sono gradevoli da toccare; un infinito range di prodotti utilizza questa forma di input, soprattutto per quel che riguarda l’area degli smartphone e dei tablet. Però quando gli schermi sono piccoli diventa difficire cliccare nel punto esatto. Per esempio comporre un numero di telefono su uno schermo touch screen di un telefonino non è semplicissimo, così come mandare un messaggio dovendo toccare le lettere sullo schermo touch.
Il problema è stato affrontato dalla Disney Research che presenta una nuova tecnologia, chiamata TeslaTouch, che promette di risolvere adeguatamente il problema.

Il nuovo tipo di schermo a tocco, che è stato presentato questa settimana in una conferenza stampa a New York, utilizza un sistema combinato di analisi delle cariche elettrostatiche e una nuova tipologia di schermo per controllare la frizione tra il dito dell’utente e la superficie dello schermo stesso.

Nell’utilizzo, l’utente avvertirà, toccando il punto esatto dello schermo da lui desiderato, una lieve vibrazione; nella conferenza stampa, il presentatore ha riferito che la sensazione più prossima alla realtà è quella di sfiorare un foglio di carta vetrata o, ancora meglio, una superficie di gomma.

In questo modo si avvertirà una leggere vibrazione quando il dito tocca una lettera consentendo una elevata precisione nel toccare un tasto virtuale.Ciò perché una forza elettrostatica attrae fisicamente il dito (quasi come un magnete) alla superficie interattiva. Inoltre, il segnale di ingresso è propagato in maniera uniforme su tutta la superficie tattile, quindi, la conseguente sensazione tattile è spazialmente uniforme.

Dal punto di vista tecnico, questo schermo è costituito da 3 strati sovrapposti. Una piastra di vetro, sistemata su un elettrodo trasparente e un isolatore, permetterà di simulare la frizione, in quanto l’elettrodo creerà, a seguito del tocco, un piccolo campo elettrico sull’isolatore, che restituirà la sensazione tattile alle dita.
L’effetto di riconoscimento tra il dito dell’utente e l’operazione da eseguire permetterà, ad esempio, di riconoscere il trascinamento di elementi dello schermo semplicemente attraverso il senso del tocco, liberando l’utilizzatore dalla necessità di seguire visualmente l’operazione. Il relatore ha riferito che la stessa tecnologia può essere utilizzata per riconoscere le dimensioni dell’elemento che si sta spostando; in altri termini, un grosso filmato offrirà più resistenza al trascinamento di un piccolo file.

Vedi il video TeslaTouch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *