Epatite C: molto presto farmaci più efficienti

L’Epatite C è una malattia seria del fegato che è causata dal virus dell’Epatite C. Questo virus può essere trasmesso sessualmente o per contatto con sangue o liquidi del corpo infetti. Il virus dell’Epatite C attacca il fegato e può portare a danni del fegato e in alcuni casi alla morte. L’Epatite C in passato era conosciuta come Epatite non-A non-B. Questa può essere diagnosticata con diversi esami del sangue che determinano la presenza di anticorpi contro il virus dell’Epatite C, come pure possono  valutare le particelle virali. Vengono anche fatti degli esami per eliminare la possibilità di altre infezioni, come l’Epatite B. La terapia a base di interferone è efficace in circa il 20% dei pazienti con il virus dell’Epatite C. ebbene ora un team internazionale di ricercatori ha ideato un nuovo screening genetico – chiamato COFIM, cofattore indipendente mutante -in grado di identificare i ceppi del virus dell’epatite C (HCV) resistenti ai farmaci e i meccanismi a livello molecolare che rendono possibile questo meccanismo di contrasto all’azione terapeutica: il nuovo test genetico potrebbe servire quindi ai ricercatori per trovare un modo per realizzare farmaci più efficienti e dunque in grado di “aggirare” quei sottotipi del virus resistenti alle terapie. In uesto modo si potrebbe aumentare notevolmente la percentuale del 20% di casi di successo di terapia in perone affette da epatite c.

La nuova tecnologia, realizzata dalla Florida State University (Usa) in collaborazione con i ricercatori dell’azienda biofarmaceutica Gilead Sciences e dell’Università di Heidelberg (Germania), potrebbe funzionare anche nell’aggirare la farmaco-resistenza di altri virus, come quello dell’immunodeficienza umana (HIV) e dell’influenza. Lo studio è stato pubblicato su PLoS Pathogens. “Ciò che il nostro team di ricerca ha scoperto è come l’ultimo farmaco per l’HCV funziona e quali sono i cambiamenti nel virus che lo rendono resistente a questa terapia”  spiega Hengli Tang, biologo molecolare della Florida State University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *