Spray fotovoltaico per i pannelli del futuro

Ci ha pensato la compagnia norvegese Ensol, con un’équipe di ricercatori britannici dell’Università di Leicester, a realizzare questo particolare spray sfruttando le nanotecnologie. In questo modo si spruzzano nano particelle metalliche e l’edificio si trasforma in un grande generatore di energia. La compagnia norvegese vuole mettere sul mercato questa soluzioe già nel 2016 e conta di produrre anche 100 watt per metro quadro.

La rivoluzionaria pellicola fotovoltaica utilizza nanoparticelle metalliche con un diametro di circa dieci nanometri e sarà facilmente applicabile alle superfici piatte senza particolari costi d’installazione e senza essere un elemento estetico di disturbo.

Essendo trasparente potrà essere utilizzato anche sulle superfici vetrate.

Il professor Chris Binns, dell’Università di Leicester, la reputa inoltre l’ideale anche per l’alimentazione degli aerei ad impulso solare, vedi Solar Impulse, oggi in sperimentazione, che volerebbero ad impatto zero, con un’autonomia di ore di volo maggiore di quella attuale.

L’università di Leicester è per ora l’unica al mondo a disporre delle apparecchiature adatte per la realizzazione del materiale progettato dalla EnSol. Le possbili applicazioni sono molte interessanti: oltre a rivestire gli aerei con questa speciale pellicola potremo fare lo stesso anche con le auto consentendo di avere energia a costo zero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *