Tu guardi il monitor pubblicitario e lui ti manda la pubblicità che ti piace: è tutto vero

Simpatica notizia che una volta poteva essere definita fantascienza ma che ora è realtà. E’ un’invenzione giapponese e riguarda i pannelli pubblicitari LCD posti nei luoghi pubblici come aeroporti o stazioni ferroviarie per esempio. Nec ha realizzato i nuovi pannelli pubblicitari Paneldirector, pannelli molto particolari. La loro originalità sta nel fatto che essi sono in grado, grazie ad una videocamera, di analizzare il soggetto che passa di fronte al monitor e automaticamente offrirgli una pubblicità mirata.

Questo non è altro che un pannello pubblicitario come quelli attualmente in commercio con la differenza che dispone di

una webcam in grado di analizzare la fisionomia del passante: una volta effettuata l’analisi facciale e di altri parametri presenti nel suo database (per esempio l’età) il panedirector cerca tra gli oltre 10000 profili caricati nella sua memoria quello più simile al profilo del passante che si trova a visionare il monitor. Una volta individuato il profilo giusto mostra sullo schermo  i messaggi advertising più confacenti alla persona, attirando ancora di più l’interesse e permettendo così di raggiungere al meglio il target. Durante una dimostrazione tenutasi al quartier generale NEC a Tokyo, ad una donna giovane che passava di fronte al pannello, il PanelDirector ha deciso di mostrare una pubblicità di un piatto di pasta di un’azienda italiana. La donna poco dopo ha dichiarato di amare la pasta e di essere stata attratta da quel messaggio pubblicitario.

I risultati delle analisi condotte dal software del PanelDirector restano poi immagazzinati in un database, mentre le immagini dei passanti non vengono conservate per questioni di privacy. Questi dati poi possono essere usate dagli uffici marketing delle differenti aziende per adattare le proprie campagne ed indirizzare al meglio i propri prodotti.

La prima a portarli in aeroporti e centri commerciali sara’ la Nec, non si sa ancora quando. Aspettiamo con curiosità per verificare se funzionano davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *