Inventato un sensore in grado di rilevare le bombe in pochissimi secondi

È un sensore realizzato con fili sottilissimi in grado di rilevare in pochi secondi tracce, anche impercettibili, di esplosivo in liquidi o aria. E’ stato realizzato dai ricercatori dell’università di Tel Aviv ed ha un naso mille volte più sensibile della “tecnologia” utilizzata fino ad ora e rappresentata dai cani. È una vita rischiosa quella dei cani anti-esplosivo, però il loro fiuto eccezionale, grazie a uno speciale addestramento, è ancora il miglior metodo per scovare bombe e mine. L’addestramento è molto costoso e richiede tempo,  ci vogliono decine di migliaia di dollari per addestrare e mantenere un cane poliziotto; senza contare che i nostri amici a quattro zampe sono sempre in pericolo di vita.

Così l’Università di Tel Aviv, in Israele, sta sviluppando un rilevatore ultra sensibile che costa pochissimo e che può essere inserito in strumenti portatili poco più grandi di uno smartphone.

I test effettuati sul nuovo dispositivo israeliano, realizzato con fili elettronici sottilissimi, si sono rilevati molto promettenti.

Il sensore è mille volte più sensibile rispetto a qualsiasi rivelatore esistente, per esempio il sistema realizzato da ICX Technologies che fino ad ora era l’unico rivale al fiuto dei cani nell’individuare i vapori emessi dagli esplosivi.

Il sensore dell’Università di Tel Aviv, infatti, in grado di rilevare esplosivi TNT e plastico RDX e PETN in concentrazioni bassissime in pochi secondi. Fernando Patolsky, un professore di chimica a capo del progetto, dice che si tratta ancora di un prototipo, ma nel prossimo futuro potrebbe essere piazzato negli aeroporti e in ogni angolo di un centro commerciale per rilevare in tempo reale la presenza di esplosivo. Il sistema sviluppato da ICX Technologies, con sede ad Arlington, in Virginia, è in grado di rilevare i vapori emanati da esplosivi con una sensibilità corrispondente a quello di un naso canino. Invece di nanofili, il sistema ICX utilizza polimeri che emettono luce incandescente che si interrompe in presenza alle tracce di esplosivo in un vapore in pochi secondi. Questo dispositivo viene utilizzato in campi di battaglia in Iraq e in Afghanistan, e gli Stati Uniti hanno recentemente iniziato a utilizzarlo negli aeroporti. Il vantaggio di questo sensore israeliano è la notevole velocità di rilevazione delle bombe ed è per questo che si spera al più presto che lo si possa utilizzare in tutto il mondo nei luoghi a rischio soprattutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *