L’olio d’oliva stimola le cellule dellle ossa riducendo la frequenza dell’osteoporosi

L’osteoporosi è caratterizzata da una perdita della densità ossea che può aumentare il rischio di frattura dell’osso. Colpisce soprattutto le donne in età avanzata o in post menopausa.
Oggi è stato scoperto che consumare olio extravergine offre un’arma in più contro l’osteoporosi: il condimento offre infatti una sostanza che stimola le cellule creatrici delle ossa. Questo il riassunto di una ricerca dell’Università di Cordoba (Spagna), diretta dal dottor Santiago-Mora e pubblicata su “Osteoporosis International”.
Già precedenti studi avevano mostrato come chi seguesse una dieta mediterranea comprendente l’olio extravergine di oliva avesse un minore rischio di sviluppare l’osteoporosi. Ora, questo studio condotto dai ricercatori spagnoli dell’Università di Cordoba ha valutato l’azione della oleuropeina, in diverse concentrazioni, nei confronti degli osteoblasti, le cellule responsabili della formazione ossea. Il dottor Santiago-Mora ed i suoi colleghi hanno così approfondito la questione. Essi hanno selezionato polifenoli ed oleuropeina, potenziali alleati delle ossa, mettendoli alla prova con gli osteoblasti, fabbriche di tali organi.
A tale scopo sono stati eseguiti test in vitro su cellule staminali del midollo osso, trattate con diverse concentrazioni dioleuropeina. La seguente osservazione ha permesso di scoprire come tale sostanza provocasse un aumento nella differenziazione degli osteoblasti e una riduzione nella differenziazione degli adipociti, le cellule dove viene immagazzinato il grasso. In più, i ricercatori sostengono come l’applicazione di oleuropeina abbia influenzato direttamente l’espressione dei geni che regolano la produzione di osteoblasti.
Altra osservazione degna di nota è quella che riguarda l’espressione di alcuni geni che è stata collegata alla produzione di osteoblasti.
In ogni caso, il dottor Santiago-Mora ribadisce il messaggio: “I nostri dati suggeriscono che l’oleuropeina, molto abbondante nei prodotti dell’olivo, inclusi nella dieta mediterranea tradizionale, potrebbe prevenire la perdita ossea connesse con l’età e l’osteoporosi”.
Avanti con l’olio d’oliva nelle nostre diete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *