Nuovi deumidificatori per PET a risparmio energetico

Piovan ha deciso di passare dalle parole ai numeri incaricando l’ente di certificazione TÜV di testare un esemplare del nuovo sistema di deumidificazione Genesys installato presso un cliente, importante produttore europeo di bevande. Si punta ad ottenere dei miglioramenti notevoli nell’efficienza energetica.

I risultati indicano in 69,2 W/kg/h l’utilizzo di energia elettrica verificato (Test report nr. 204325) dopo 7 mesi di esercizio. Secondo la società veneta, si tratta del valore più basso mai misurato, a dimostrazione che è possibile abbattere i costi energetici del 50% rispetto ai tradizionali sistemi di deumidificazione PET.

I test sono stati effettuati su un dryer Genesys GP55 equipaggiato con tramoggia di 4500 litri, operante a 175°C di temperatura dell’aria di processo. La tipologia di materiale trattato è una resina PET ad alta viscosità intrinseca (IV 0.8 dl/g), tipicamente utilizzato per la produzione di bottiglie per bevande. Lo stesso modello, dotato di una tramoggia TN3000, sarà esposto da Piovan a Düsseldorf in occasione del prossimo K.

Il nuovo deumidificatore a basso consumo energetico implementa le più recenti tecnologie, come ad esempio controllo a perdita di peso, gestione e stabilizzazione della portata d’aria e processo di rigenerazione ‘intelligente’. Secondo la società, è anche l’unico sistema “auto-adaptive” disponibile oggi sul mercato, essendo in grado di auto-determinare la quantità d’aria effettivamente necessaria per una buona deumidificazione.

“Questo sistema garantisce il più basso consumo energetico di sempre, riducendo i costi complessivi almeno del 30% – afferma Piovan – Per un impianto che produce preforme PET, impiegando 1.000 kg/h di materiale, questo significa risparmiare almeno 220.000 kW/h all’anno”.(polimerica.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *