Anno 2018: la NASA sul sole

Ebbene si, la NASA invierà una sonda nell’atmosfera del Sole, a circa quattro milioni di miglia dalla sua superficie. Il progetto, denominato Solar Probe Plus , è previsto per l’anno 2018.
A prima vista quattro milioni di miglia non sembra molto vicino, ma sarebbe motlo importante, poiché questa è una regione dove nessun mezzo creato dall’uomo sia mai arrivato.
E’ molto difficile avvicinarsi al sole a causa delle temperature elevatissime causate dallo stesso. In questo caso lo scudo termico del veicolo spaziale, anche se sarà relativamente lontano dalla superficie della stella, dovrà sopportare radiazioni intense che lo porteranno a temperature superiori a 2.550 gradi Fahrenheit e per fare ciò si sta studiando una soluzione con un materiale composito a base di carbonio.
Tra gli obiettivi della missione si cercherà di risolvere una questione fondamentali della fisica solare e cioè perché l’atmosfera esterna del sole è così molto più calda rispetto alla fotosfera (si parla di 5800 K rispetto al milione di K della corona) nonostante la prima sia meno densa e produca un milionesimo della luce visibile del Sole ha dichiarato Dick Fisher, direttore della NASA heliophysics division a Washington.

L’altro importante quesito riguarda la formazione, la propagazione e l’accelerazione dei venti solari – i quali arrivano a velocità supersoniche – che coinvolgono tutto il nostro sistema che vi orbita attorno.

“Siamo stati alle prese con diversi misteri sul sole da decenni e questa missione dovrebbe finalmente fornire tante risposte”, ha detto Fisher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *