Nuovo software per ridurre i danni degli incendi e salvare vite umane

Un incendio può avere un effetto distruttivo se non viene controllato o monitorato in tempi brevi. Ora gli australiani hanno inventato un nuovo software che potrebbe aiutare e non poco i vigili del fuoco, gestori del territorio, a gestire il fuoco e limitare i danni di un eventuale incendio aumentando la salute e la sicurezza delle foreste.
Il Progetto HighFire sta dunque gettando le basi per un lavoro importante e di importanza assoluta.
Un software in grado di prevedere gli incendi e lo sviluppo del fuoco, regalando ore di anticipo sull’eventuale diffusione delle fiamme alle zone interessate, permettendo alla popolazione di attuare le contromosse per difendersi: questo è in sostanza l’importante obiettivo raggiunto dal Dipartimento di Scienze degli ecosistemi forestali dell’University of Melbourne (Australia).
Il software si chiama Phoenix RapidFire ed è frutto del “Bushfire CRC project” guidato da Kevin Tolhurst e Derek Chong. Il programma è capace di simulare un incendio generando una mappa a colori in grado di prevedere il movimento del fuoco nel paesaggio attraverso il calcolo di altezza e pendenza del terreno, tipo di vegetazione, l’eventuale vicinanza alla strada e la presenza di aree agricole. Consente inoltre di determinare quali comunità hanno bisogno di essere informate e soprattutto la dinamica e la tempistica dell’incendio permettendo di stabilire dove inviare risorse per ridurre al minimo l’impatto delle fiamme.
“Il software permetterà a pochi minuti dalla scoperta di un incendio, di dare un allarme sul suo sviluppo con diverse ore di anticipo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *